Featured Image

The Wild Goose Lake

2019
Titolo Originale:
Nan Fang Che Zhan De Ju Hui
REGIA:
Yi'nan Diao
CAST:
Hu Ge (Zhou Zenong)
Gwei Lun-mei (Liu Aiai)
Wan Qian (Yang Shujun)

Il nostro giudizio

The Wild Goose Lake è un film del 2019, diretto da Diao Yinan.

La prima grande epifania in The Wild Goose Lake è una cicatrice: un uomo si trova da solo di notte durante un temporale appoggiato a un massiccio pilastro di cemento, improvvisamente una donna cammina verso di lui, ma l’incontro di queste due figure è solo una questione minore perché il grande crescendo della scena arriva al momento in cui l’uomo si rivolge alla telecamera per la prima volta e mostra una ferita scura, in parte guarita, sulla sua guancia. Questa cicatrice è solennemente celebrata dalla telecamera, non perché le si attribuisca un significato speciale o svolgerà alcun ruolo nel corso ulteriore del film, ma solo per la sua ampiezza, la sua voluttuosità, in breve: per la sua particolarità visiva. The Wild Goose Lake ingloba fin dal primo momento i suoi personaggi ed eventi, il suo intero mondo cinematografico come ciò che è letteralmente: un puro fenomeno. La trama del film è allo stesso tempo estremamente semplice nella sua costellazione di base e altamente confusa nelle sue numerose ramificazioni, anche se questo crescendo selvaggio di eventi è comunque tipico dei film noir e gangster. Il piccolo criminale Zhou Zenong viene ferito in uno scontro violento con una banda rivale, ma lui stesso uccide anche un poliziotto durante il conflitto.

Nonostante la fuga andata a buon fine, l’unica via d’uscita vera e propria sembra quella di costituirsi alla polizia e far arrivare, attraverso varie deviazioni, la taglia per la sua cattura a sua moglie. Liu Aiai, una giovane prostituta, viene inviata dai membri della banda di Zou per aiutarlo in questo progetto.Un gabinetto di curiosità cinematografica The Wild Goose Lake, che  non si preoccupa di classificare le sottotrame e la quantità sempre crescente di personaggi. Il film invece afferra a piene mani motivi e immagini, raccoglie impressioni, rintraccia praticamente ogni fascino che gli viene in mente; e non cerca nemmeno di combinare insieme questi singoli pezzi o dare loro l’aspetto di una coesione organica, ponendo invece sempre l’accento sul frammentario, sull’assemblato. La trama e gli eventi esterni servono solo come un ripiano disadorno su cui le singole gemme possono essere presentate in tutto il loro sfolgorante fascino visivo. Di volta in volta, il film si perde in un solo momento o in una singola immagine, senza caricarsi di alcun significato al di là di se stesso: un ampio cappello bianco che affonda lentamente nelle acque torbide di un fiume; un peep-box, all’interno del quale una testa apparentemente senza corpo giace su un vaso e canta straziante; un gruppo di persone che indossano scarpe al neon danzando di notte  sulle note di “Rasputin” di Boney M.

Questa attenzione persistente sulla sensazione del momento  è evidente anche nel lavoro di Diao Yinan. nelle messe in scena di combattimento e di azione: in esse i movimenti dei personaggi non vengono acquisiti nella loro interezza, ma in singoli momenti d’immediata intensità fisica – una maniglia, un colpo, uno sguardo perplesso – vengono distaccati dal loro contesto temporale e legati insieme. Diao spegne in questi momenti anche il livello più basso della nostra capacità di astrazione: il semplice riconoscimento. Sapere che cosa percepiamo ovviamente significa per lui avere preso le distanze troppo lontano dal contenuto sensuale reale delle impressioni individuali. La confusione e la forza sensuale fluttuante sono al centro del programma estetico di The Wild Goose Lake. Perché un senso di chiarezza arriva solo quando abbiamo un’aspettativa stabile in ogni momento di ciò che potrebbe accadere dopo e, come risultato, sperimentiamo ogni impressione sensoriale solo alla luce di queste aspettative. Diao elimina costantemente questa aspettativa stabile, spargendo così, in libertà, i molteplici stimoli sensoriali che compongono tutte le nostre percezioni concrete. The Wild Goose Lake è un film superficiale, ma  nella migliore accezione che questo aggettivo possa avere.