SEX & REVOLUTION! Una mostra che scotta

A Reggio Emilia dal 20 aprile al 17 giugno
Featured Image

Dal 20 aprile al 17 giugno 2018, il Palazzo Magnani di Reggio Emilia ospita la mostra SEX & REVOLUTION! Immaginario, utopia, liberazione (1960-1977), che indaga la genesi delle trasformazioni nel modo di concepire e vivere la sessualità tra gli anni ’60 e ’70, attraverso oltre 300 reperti d’epoca: sequenze cinematografiche, fotografie, fumetti, rotocalchi, libri, locandine di film, brani musicali, installazioni multimediali, ambientazioni con oggetti di design, musica e molto altro. La rassegna, curata da Pier Giorgio Carizzoni, sotto la direzione scientifica di Pietro Adamo (docente all’Università di Torino e affezionato collaboratore di Nocturno), promossa e organizzata dalla Fondazione Palazzo Magnani insieme al Comune di Reggio Emilia, in collaborazione con l’Associazione Culturale Dioniso, è uno degli appuntamenti principali della XIII edizione di Fotografia Europea, che quest’anno ruota attorno al tema RIVOLUZIONI – Ribellioni, cambiamenti, utopie.

Da poco inaugurata, SEX & REVOLUTION! Immaginario, utopia, liberazione (1960-1977) analizza attraverso postazioni audio-video, fotografie, manifesti originali, libri e riviste, come la sessualità, finalmente liberata, abbia influenzato buona parte della cultura e della società, argomento che, ancora oggi, costituisce un tabù. A confermalo sono proprio le parole del docente Pietro Adamo: “In tanti, enti e privati, ci hanno detto di no, non appena dicevamo l’argomento trattato dall’esposizione. Da non credere, solo e sempre, porte chiuse”.

Il percorso espositivo di SEX & REVOLUTION!, suddiviso per aree tematiche, è scandito da alcuni oggetti simbolo: pillola anticoncezionale, monokini, vibratore, accumulatore orgonico, super 8, frusta, minigonna. La mostra si apre con un’analisi dell’ambito filosofico e culturale entro cui è nata e si è sviluppata la rivoluzione sessuale: dagli studi freudiani di fine Ottocento alle ricerche di Wilhelm Reich, di cui verrà presentato l’orgonometro, alle prime ricerche di sessuologia di autori quali Alfred Kinsey, fondatore dell’Institute for Sex Research all’Università dell’Indiana, Albert Ellis, Frank Caprio, agli studi di Herbert Marcuse, che aprirono la strada a rilevanti battaglie politiche e culturali che, dalla metà del secolo scorso, sono state il preludio alla stesura di opere letterarie, cinematografiche e artistiche. Un ruolo di rilievo è affidato all’approfondimento del rapporto tra sesso e letteratura attraverso fondamentali romanzi come l’Ulisse di James Joyce, L’amante di Lady Chatterley di David Herbert Lawrence, Tropico del Cancro di Henry Miller, Sputerò sulle vostre tombe di Boris Vian, e i percorsi della censura e dei processi che colpirono autori quali i citati Lawrence e Miller, ma anche William Burroughs e il nostro Vitaliano Brancati.

Sex & Revolution!

Jane Fonda sul set di Barbarella

La prima sezione si chiude con l’illustrazione di alcune pratiche sociali che hanno caratterizzato la rivoluzione sessuale: la legittimazione della contraccezione e dell’aborto; la diffusione di libero amore, scambismo, coppia aperta e nudismo; la progressiva accettazione sociale dell’omosessualità maschile e femminile; il proliferare della pornografia. I mutamenti di costume innescati da questi processi culturali – tra gli anni cinquanta e sessanta – favoriscono la creazione di prodotti cinematografici ed editoriali fortemente innovativi. In mostra le prime copertine di riviste internazionali come Playboy e Penthouse, delle omologhe italiane Playmen e Le Ore, ma anche i volumi dell’Olympia Press, la casa editrice americana fondata nel 1953 con sede a Parigi, che ha pubblicato, senza censura, alcuni romanzi erotici della Beat generation. Sono esposte anche rare edizioni italiane di audaci classici del passato, talora in versione semiclandestina, oltre a spezzoni di film con la comparsa dei primi nudi su grande schermo. Di questi stessi anni, quali evidenti segnali dei mutamenti in atto, sono proposte sequenze di celebri film e documentari diretti da maestri della settima arte come Bergman, Kazan, Wilder, Antonioni. Negli anni Sessanta della protesta studentesca, delle femministe e dei movimenti di liberazione omosessuale, gli scrittori della Beat generation e della controcultura hanno portato nei media, nella vita quotidiana e nella coscienza collettiva i temi della liberazione del corpo, della funzione gioiosa dell’erotismo, di un più equilibrato rapporto uomo-donna, diffondendo stili di vita alternativi e vincendo la resistenza di legislatori conservatori e associazioni impegnate nella salvaguardia della moralità. S’inserisce qui un’interessante sezione sull’abbigliamento attraverso l’esposizione di alcuni indumenti iconici come la minigonna, rappresentata da immagini della sua creatrice Mary Quant.

Sex & Revolution 2

Catherine Spaak in La matriarca

Uno degli effetti d’impatto culturale è stato l’avvento di una pornografia di massa progressivamente legalizzata. Dalle esperienze dei primi nudi integrali si passa man mano ai prodotti hard core, che trovano spazio in riviste a larga diffusione, ma anche nel mondo del fumetto e soprattutto nel cinema. Agli inizi degli anni Settanta si verifica un boom del sesso su grande schermo con l’apertura e la diffusione dei cinema a luci rosse che proiettano pellicole a contenuto hard; di questa stagione la mostra offre una ricca documentazione che comprende le prime riviste hard scandinave, filmini in super 8, le pubblicazioni italiane nel passaggio dal soft all’hard, i più celebri libri a luci rosse del periodo nonché un montaggio ragionato dei primi film porno di maggior successo. Tuttavia, l’affermazione della pornografia ha messo in evidenza le maggiori criticità della rivoluzione sessuale e dei suoi esiti: una sessualità virata sull’occhio maschile, la persistenza delle gerarchie dei ruoli, l’accento prevalente sul consumo dei materiali proposti a scapito dell’esperienza di vita.

LE SEZIONI di SEX & REVOLUTION!

Sezione I – Sessuologia e filosofia

Alle origini della rivoluzione sessuale: Wilhelm Reich – L’impatto della nuova sessuologia – Sesso e letteratura – Il romanzo erotico sotto processo – I teorici: Herbert Marcuse e Norman Brown – Gli autori e i temi della rivoluzione sessuale – Le nuove pratiche sociali

Sezione II – Editoria e cultura tra anni Cinquanta e Sessanta

Playboy e gli altri – Le avventure della Olympia Press – L’editoria erotica esce dalla clandestinità – La sessuologia pop – Il cinema: nudi, censure, processi – Documentari e inchieste

Sezione III – L’underground

I beat e il libero amore – La stampa della controcultura – Vestire e svestire il corpo: la minigonna e i suoi colleghi – Sex drugs rock’n roll – La rivoluzione sessuale a teatro – Le femministe e i movimenti di liberazione gay

 Sezione IV – La pornografia

La legittimazione della pornografia in Scandinavia – L’editoria alla scoperta dell’hard: dalla scienza alla letteratura – Dal super8 al cinema – L’invasione del porno di carta – La Golden Age delle luci rosse al cinema – Le critiche: dalla rivoluzione sessuale all’hard core, e viceversa

Sezione V – La rivoluzione sessuale: vittoria o sconfitta?

La censura perde colpi … ma non sempre – Il cinema d’autore verso l’esplicito: 1974-1977 – Letteratura e rivoluzione sessuale – La TV italiana tra censura e audacia – La rivoluzione sessuale sotto accusa

Orari:

Fino al 17 giugno, venerdì sabato e domenica dalle 10 alle 20